solo soldout

A LIFE UNDER THE STAGE…

TINDERSTICKS

image

I Tindersticks  hanno deciso di festeggiare il loro 21esimo compleanno registrando un album di 10 tracce inedite, scritte nel corso della loro lunga carriera. Non e’un album di cover, ma bensi’ un lavoro creato per dare nuova vita a pezzi che, a causa dell’immaturita`dei primi anni o semplicemente per scelta, non sono stati valorizzati nei precedenti release. Il risultato è il decimo album di studio per la band britannica : Across Six Leap Years, registrato nel “tempio” di Abbey Road, vedra`l’ uscita il 14 ottobre per City Slang.

Le parole di David Boulter, tastierista della band, dal loro sito ufficiale:
‘La decisione di registrare nuovamente queste canzoni non e` dettata dal fatto di raddrizzare gli errori del passato o inadeguatezze, ma di donare loro piu` valore adesso. Qualcosa è maturato, come dimostra il percorso, qualcosa che ci ha fatto riconoscere come ci sentiamo ora, e che in qualche modo ci ricollega al nostro passato. Camminare per Abbey Road, avrebbe potuto abbatterci. Non aveva nulla a che fare con il suo passato, non volevamo fare foto sulle strisce pedonali, non pensavo di suonare il piano di Lady Madonna. Mi piacerebbe dire che era solo uno studio come un altro, ma purtroppo, non lo è più. E`uno dei pochi studi di registrazione rimasti di quell tipo. E non ha niente a che fare nemmeno con il nostro passato. Abbey Road avrebbe potuto essere una grande pacca sulla spalla o un grosso pugno in faccia, ma sembrava tutto naturale, e’ dove dovevamo essere. E` importante che ci siamo arrivati, per donarci un po’ di credito, ed e’ anche stato importante per dare a questi brani una nuova vita. E`molto più divertente di un greatest hits, 21 anni di Tindersticks…. Questa non è una raccolta selezionata di pezzi salienti, e`la dimostrazione quanto siamo arrivati lontano’.

Aggiunge Stuart.A Staples, frontman della band britannica, a proposito del Disco:

1. Friday Night (2002) è una canzone anticonformista, alla ricerca di una collocazione. Le basi di questa canzone sono state concepite in risposta a Vendredi Soir di Claire Denis prima che la band decidesse di fare la colonna sonora del film. Una nuda versione scarna e`apparsa sul mio primo album da solista “Lucky dog recording”. E` stata poi ripresa dalla band nel 2011 per la colonna sonora di Claire Denis e alla fine è diventata quello che ha sempre cercato di essere.

2. Marseilles Sunshine (2003) è stato scritto per la band poco prima che implose. Questa canzone ha sognato di questa versione per 10 anni.

3. She’s gone (1994) See No 8.

4. Dying Slowly (2001) è stata scritta, in qualche modo, come risposta alla morte di Kurt Cobain. Nel mio piccolo mi sentivo divorziato dal nostro pubblico, nutrivo odio e non sentivo la necessità di impegnarmi con loro. ‘Dying Slowly’ ha avuto un enorme elemento di sfida e anche la vittoria nella sua essenza, la nostra band si sentiva abbastanza rassegnata e l’originale è diventata una registrazione piuttosto dimessa.

5. If you are looking for a way out (1999) la nostra canzone adottata. Sono ancora sorpreso che, quando stavo al lato della disco della scuola aspettando che suonasero nag nag nag, ascoltavo più di quanto riconoscessi di fare. Non avrei mai immaginato che questa canzone mi avrebbe accompagnata per il resto della mia vita. Facemmo un primo tentativo sull’album “Simple Pleasure” – stavamo provando così duramente ad essere rilassati.

6. Say Goodbye to the City (2003) Sono così grato, ora, a tenere questa versione di una canzone che è così vicina al modo in cui essa è stata originariamente concepita. Ho pensato che fosse andata per sempre e appenderei la mia testa ogni volta che la ascolto.

7. Sleepy Song (1994) See No 8

8. A Night in (1994) è una canzone del nostro secondo album. Dopo aver fatto il nostro primo album è successo qualcosa, la mia scrittura ha fatto un salto enorme. Qualche mese prima non potevo immaginare che avrei cercato di scrivere una canzone come ‘A Night in’. Sfortunatamente il mio cantato e il suonato si raggiungono solo parecchio tempo dopo. Queste sono canzoni che hanno dimostrato di avere bisogno, da parte mia, di una tenerezza e comprensione che non ero in grado di dare loro. Come un giovane uomo al suo  primo incontro, sono cresciute, i loro sentimenti sono cresciuti, raccontano di tante esperienze che ho avuto da allora.

9. I know that Loving (1999) è un altro brano dal ‘piacere semplice’. Una canzone “avanti”  che non abbiamo capito appieno al momento. Ricordo che, durante le prove in studio, era così difficile, passare ore cercando di cantarla. Mi sentivo come se ci fosse un soffitto di vetro sopra di me che non ero in grado di sfondare.

10. What are you fighting for? (2006) è una canzone alla ricerca di appartenere a qualche luogo. Questa canzone avrebbe dovuto chiudere ‘The Hungry saw’, solo che non era pronta per quel momento.

Come sara`…. ?
Non e`passato molto tempo dal loro ultimo ‘The Something Rain’, album dotato di una raffinatezza,di un fascino e di un’eleganza davvero rare. Posso solo assicurarvi che, se hanno mantenuto il percorso sopra indicato, sara`sofisticato e al pari, se non superiore, livello del suo predecessore.

Un assaggio:

Across Six Leap Years

Elisa.M.
-Special thanks to Francesca Possenti –

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on October 10, 2013 by and tagged , , , , , , , .
%d bloggers like this: