solo soldout

A LIFE UNDER THE STAGE…

CROCODILES CRIMES OF PASSION ALBUM REVIEW

image

Brandon Welchez e Charles Rowell ,conosciti come Crocodiles, sono un gruppo noise pop /indie pop  proveniente da San Diego ,California , USA.La loro carriera ha inizio nel 2008 e vede la pubblicazione di tre album,rispettivamente,Summer of Hate (2009) Sleep Forever (2010) Endless Flowers (2012) .Se ci si approccia alla loro musica e`impossibile non notare l’influenza che lo shoegaze ha avuto su di loro,in particolare dei propulsori di questo fenomeno,i Jesus and Mary Chain. La caratteristica di quel periodo e`quella di riprodurre paesaggi sonori sognanti e atmosfere quanto mai rarefatte e suggestive, create da chitarre riverberate e voci eteree .E proprio questo viene in mente quando ci si imbatte in CRIMES of PASSION, il loro quarto lavoro.
Mai titolo fu piu`azzeccato!!! Il tema che lega il nuovo release dei Crocodiles e`proprio l’amore che si sviluppa in un alternarsi di ballate dal sapore alternative rock/ noise pop di fine anni 80 e inizio ’90. Iniziano col botto con Like it in the dark.Il brano attacca con un tamburello ,che viene percosso per tutta la durata del pezzo e ne scandisce l’esuberanza e la vivacita`, a seguire il pianoforte che da`quel tocco di autenticita` e quel gusto “vintage” soprattutto quando viene accompagnato da cori Gospel. Esplosivo,chiassoso, va a sfumare sul finale dove,prima i tamburelli,poi il piano,lasciano spazio alla sola voce di Welchez, che pare voglia liberarsi da tutto il caos precedente in un incedere a cappella. Ha riminiscenze dei cori e dei tamburelli di Martha Reeves & the Vandellas (quelle di Dancing in the Street) e la spensieratezza dei Kinks di All Day And All of the Night ,mescolata al feeback di chitarre tipico dei Jesus and Mary Chain.E’la miscela di tutti questi elementi che fanno del pezzo un qualcosa di sorprendente. Meno intensita` per la seconda traccia, un Marquis de Sade che trova il culmine in un solo noise di chitarre al minuto 1,20. Segue Cockroack, 70% Jesus and Mary Chain e 30% Primal Scream. Esuberanza di tamburelli, riverbero e distorsioni… in una sola parola: SHOEGAZE!!! Dopo questo inizio passa quasi in sordina Heavy Metal Clouds per passare ancora a sonorita`screamadeliche con Teardrop Guitar. Ed ecco che si arriva alla parte culminante: She Splits me Up. Attacca con un riverbero di chitarra che ti immobilizza davanti all’apparecchio acustico.Suona come in una stanza vuota,come un eco. Seguono i tamburelli, i toni si fanno dolci, la voce trasognante, una ballata a cuore aperto.E`il pezzo che da` concretezza a tutto l’album. Ancora trasognante,ma meno d’effetto,My Machine Gun,a tratti trip pop, mentre rock n’roll e risonante Gimme Some Annihilation.Piu` debole Virgin,qui pare vogliano lasciare lo spazio necessario per concedersi una pausa prima di sprofondare in Chant D’Amour. Come il piu`completo degli amplessi, Crimes of Passion, non poteva che terminare con una “coccola”. Il rieccheggiare delle chitarre e la voce di Welchez fanno venire voglia di cadere sfiniti, assopiti ma soddisfatti. CONQUISTATI!!

Tracklisting
1. I Like It In The Dark
2. Marquis De Sade
3. Cockroach
4. Heavy Metal Clouds
5. Teardrop Guitar
6. She Splits Me Up
7. Me and My Machine Gun
8. Gimme Some Annihilation
9. Virgin
10. Un Chant D’Amour

SHE SPLITS ME UP

Elisa.M.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on September 4, 2013 by and tagged , , , , , , , .
%d bloggers like this: