solo soldout

A LIFE UNDER THE STAGE…

PORCELAIN RAFT

image

Cambiamo Genere e, per gli appassionati di Elettronica, ci focalizziamo sulla nuova uscita di PORCELAIN RAFT!!

Porcelain Raft o Mauro Remiddi (nato nel 1972 a Roma, Italia) è un compositore / cantautore / musicista. Attualmente vive a New York City.
Nel 1997 ha composto le musiche per il cortometraggio ‘La Matta dei Fiori’, che ha vinto il premio ‘David di Donatello’ per il miglior cortometraggio. Nel 1999 ha suonato la sua composizione al La Mama Theatre di New York come parte del tip tap show’ Vaudeville 2000 ‘. Dopo essersi trasferito in Gran Bretagna inizia una collaborazione a lungo termine con il video artista Ra Di Martino, compone e appare in tre video di Di Martino (‘Not 360’, ‘Night Walker’ e ‘August 2008′).
Nel 2003, sotto il nome di Three Blind Mice,l’ artista / musicista Onyee Lo e Mauro Remiddi iniziano a suonare insieme come un duo. Nel 2008 ha collaborato con Filthy Dukes, cantando nel brano “Somewhere at Sea” per il loro album di debutto Nonsense in the Dark. Il suo primo Porcelain Raft EP,   Gone Blind, e`stato rilasciato ad Acephale nel 2010. Il Debutto Porcelain Raft del full-length, Strange Weekend, è stato rilasciato su Secretly Canadian, nel gennaio del 2012.
Mauro Remiddi ha coperto una quantità impressionante di terreno fisico nei suoi anni come lavoro di musicista. Le sue Peregrinazioni lo hanno portato a suonare indie pop a Londra, gypsy klezmer music col Berlino Youth Circus, pianoforte in produzioni off-Broadway, fino ad esibirsi in Corea del Nord.
Considerando quanto giramondo Remiddi ha al suo attivo, non è una sorpresa che la sua musica potrebbe iniziare a evocare un senso di sradicamento e di impermanenza.

Il suo primo Album:STRANGE WEEKEND.
Su Strange Weekend Remiddi suona come un forestiero stanco rassegnato all’infinito galleggiante attraverso il cosmo interstellare o spirituale. I suoi precursori in questo senso sono Marc Bolan, John Lennon e David Bowie, artisti che costantemente hanno cercato una sorta di trascendenza del corporeo, uniti dal lottare per raggiungere i collegamenti terrestri e la comprensione.
Titoli di canzoni come “Drifting in and out”, “Shapeless & Gone”, e “Put me to sleep” danno un’ottima idea di cosa Remiddi ha in serbo. Il progetto Porcelain Raft prende spunto liberamente sia dallo shoegaze che dal dream-pop. Al Dream pop applica suoni e strutture venerabili del rock classico come  in “Unless you speak from your heart” (con ovvi riferimenti a Lennon). Remiddi viene spesso accomunato ai Beach House. Molte delle melodie si sentono familiari, ma non possono essere facilmente posizionate con precisione.
Pervadente senso di malinconia e rassegnazione si estende ai testi – sono spesso sepolti o astratti, ma di tanto in tanto qualcosa di palesemente diretto emerge, come il sentimento ingenuo convogliato nel titolo “Unless you Speak from your heart”, o, forse, un po`più ad arte, l’affermazione di Remiddi in “Backwords” che cita “I hope you’re in a nice hotel/ Playing cards in your room/ With someone who cares over you ” Come ci si aspetta da un album atmosferico e annebbiato, Strange Weekend , nella sua struttura non trova grandi slanci,si blocca, anche se questo non significa che non colpisce, in particolare “Backwords”, con la sua imponenza ha riminiscenze dei Pink Floyd , così come la splendida “Put Me To Sleep”, che sembra fatta su misura come colonna sonora di una scena in cui Carey Mulligan è triste in qualche grande città metropolitana. Che presumibilmente è una situazione in cui un malinconico viaggiatore come Remiddi può facilmente relazionarsi.

Oggi si presenta con un nuovo lavoro: PERMANENT SIGNAL.
Convince sin dai primi due singoli estratti, “Think of the ocean”- “The Way out” ,e trova quello slancio che mancava al suo primo Strange Weekend.Che riesca a conquistarsi quella fetta di meritato successo nel suo lungo peregrinare??
Lo ascoltiamo con la sua nuova Think of the ocean:

http://youtu.be/_Uaz_b6d3o4

Tracklist:
01 – Think Of The Ocean
02 – Cluster
03 – Minor Pleasure
04 – Open Letter
05 – Night Birds
06 – It Ain’t Over
07 – I Lost Connection
08 – Warehouse
09 – The Way Out
10 – Five Minutes From Now
11 – Echo

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

Information

This entry was posted on August 14, 2013 by and tagged .
%d bloggers like this: